Il Tabernacolo - A.D.I Afragola

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Tabernacolo

Attività di chiesa > Studi Biblici

Fu meraviglioso il momento quando il popolo d’Israele, dopo tante sofferenze, uscì dall’Egitto. La strada dall’Egitto alla terra promessa, non era molto lunga, occorrevano pochi giorni per arrivare. Il popolo d’Israele impiegò 40 anni. Percorsero sentieri tortuosi, difficili, fecero delle soste lunghissime. Non sarebbe stato difficile per Dio, rendere loro la strada più corta, meno difficile. Si, era bello essere il popolo di Dio nei momenti in cui Egli dava loro acqua, carne, riposo; ma nei momenti difficili vennero meno e si ribellarono.
Il loro amore per Dio era dipendente dalle Sue benedizioni. Non amavano veramente Il Signore per ciò che Egli è, ma per ciò che dava loro. Dio desiderava avere un vero rapporto col suo popolo, desiderava che Lo amassero di un amore sincero, disinteressato. Dio diede quindi disposizioni a Mosè per al costruzione di un tabernacolo, quale Sua dimora fra il Suo popolo.
L’Eterno Santo e tremendo viene tra il Suo popolo per accompagnarlo in tutti i suoi spostamenti; anzi, come precisa il libro dei Numeri cap.2, il Tabernacolo procede in mezzo alle dodici tribù. Tabernacolo significa semplicemente “tenda” Immaginiamo il popolo d’Israele viaggiare nel deserto e poi fermarsi là dove indicava la nuvola di DIO. Pian piano, nel grande campo, si ergono centinaia di tende: piccole e grandi ricche e povere, di pelli di capra, pecora, cammello Ma fra tutte una si distingue ed è facilmente riconoscibile anche da molto lontano perchè proprio qui sopra si ferma la nuvola (Nm.9:15-23), a ricordare che solo qui si manifesta la presenza di Dio, sul TABERNACOLO. Viene da pensare a certe città, sopratutto anglosassoni, dove pullulano numerose chiese e denominazioni e lasciano nella confusione, a volte, anche il sincero ricercatore. Il consiglio di Dio è sempre lo stesso: la Sua Chiesa è là dove LUI è presente e dove la Sua presenza è manifesta. Non facciamoci ingannare dalla solennità di un rito o dal numero di fedeli che lo pratica; dove c’è Dio, c’è la Sua “Nuvola”, c’è il Suo Spirito operante.
Non tutte le strade portano a Dio, l’Eterno si incontra solo là dove e come Egli ha stabilito e non secondo la buona volontà degli uomini o le vie che questi inventano. Il TABERNACOLO è figura dell’unica Via che è Gesù, Eb. cap.9, quindi solo tra coloro che percorrono questa via Dio può e VUOLE MANIFESTARSI.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu